Pro soluto e pro solvendo: cosa sono e perché se ne parla

pro soluto pro solvente

Si sente sempre più di frequente, utilizzare termini come pro soluto e pro solvendo. Dunque, andiamo nel concreto e capiamo il significato dei due termini composti e che differenza esiste tra loro. In buona sostanza entrambi sono termini finanziari che indicano la possibilità di recuperare in modo rapido e veloce i propri crediti. Quindi, soprattutto se sei un imprenditore e hai dei crediti verso la Pubblica Amministrazione (e non solo), potrebbero risultare strumenti molto interessarti ed efficaci.

Pro soluto e pro solvendo: come funziona

I termini pro solvendo e pro soluto si usano più spesso quando si parla di cessione di crediti:

  • Pro soluto: dall’istante dell’acquisto del credito da parte di creditcash.it, chi li ha ceduti non dovrà più aver pensiero se la Pubblica Amministrazione saldi o no. Lui non avrà più nessuna responsabilità su questo credito. L’unica garanzia che dovrà fornire è l’effettiva sussistenza del credito al momento della cessione;
  • Pro solvendo: l’imprenditore, in questo caso, resta responsabile del credito fino a quando la Pubblica Amministrazione non pagherà la società. Nel caso in cui ciò non dovesse avvenire, il contratto sarà nullo. In questo caso, quindi, l’imprenditore, oltre a garantire la sussistenza del credito, deve garantirne anche l’effettivo pagamento.

Cosa dice la legge? Cedibilità dei crediti

Dal punto di vista legislativo la cessione dei crediti è regolata dagli articoli 1260 e successivi del codice civile. Essi stabiliscono le modalità in cui deve avvenire la conclusione di un contratto tra il creditore originario, detto cedente, e colui che vuole acquistare i crediti, detto cessionario.

Il creditore può trasferire a titolo oneroso o gratuito il suo credito. Questo avviene anche senza il consenso del debitore, purché il credito non abbia carattere strettamente personale o il trasferimento non sia vietato dalla legge. Perché il contratto sia valido è sufficiente, quindi, lo scambio del consenso tra i due soggetti cedente e cessionario, mentre non è necessario il consenso del debitore. Tuttavia è previsto che il debitore sia messo a conoscenza della cessione del credito, per sapere a chi dovrà effettuare il pagamento.

Pro soluto e pro solvendo: utilità dello strumento

Gli strumenti di cessione crediti sono sempre più utilizzati soprattutto dalle imprese che hanno fra i propri clienti le pubbliche amministrazioni. Le PA infatti, tendono ad avere tempi di pagamento piuttosto lunghi e spesso non compatibili con le esigenze di liquidità di una impresa medio-piccola.

Ciò avviene soprattutto in Italia, dove la media dei tempi di pagamento delle PA è di oltre i 100 giorni. In Europa, invece, occorrono in media 40 giorni. Ecco che utilizzare la cessione dei crediti con le formule del pro soluto o del pro solvendo può essere una strategia vincente per un’azienda, che può così ottenere capitale e risorse da investire direttamente nelle attività produttive.

Pro soluto: la scelta migliore

Solitamente la cessione del credito avviene con modalità pro soluto. Questo vuol dire che chi cede il credito non risponde del debito nel caso di insolvenza da parte del debitore. Dunque, un debitore che non paga diventa un rischio per chi ha acquistato il credito, ma non per chi lo ha ceduto.

Una volta fatti i dovuti controlli, per verificare se esistono vizi che possano far rendere insolvente il pagamento di un credito, chi lo ha ceduto perde totalmente il diritto di poterlo esigere. Naturalmente, perde anche ogni responsabilità ad esso legato. Attraverso il factoring pro soluto Creditcash.it anticipa i tuoi crediti commerciali. Inoltre, li gestisce e offre importanti garanzie per la tua attività, facendosi carico di eventuali perdite sui clienti che gravano sull’azienda.

Cessione del credito: a chi si rivolge?

Questa tipologia di servizio può essere utilizzata da aziende e/o attività piccole o grandi che siano. Sostanzialmente sono tutte attività produttive italiane, estere o della Pubblica Amministrazione, che intendono ottimizzare la gestione dei crediti commerciali. Questo lo fanno per:

  • Ottenere un’immediata fonte di denaro adeguata alle loro esigenze.
  • Rafforzare il loro patrimonio aziendale.
  • Diminuire i costi amministrativi dei crediti ceduti.
  • Assicurarsi dal rischio d’insolvenza.

L’impresa che utilizza oggi la cessione del credito mediante Creditcash.it si dimostra affidabile sul mercato perché più attenta alle relazioni con i clienti, verso i propri crediti ed i flussi di cassa ad essi collegati.

Close