Come prendere il diploma in un anno soltanto

prendere diploma

Riuscire a prendere il diploma di scuola secondaria di secondo grado dovrebbe essere fatto entro i 19 anni, al termine di un percorso di cinque anni. Purtroppo la vita è fatta di tanti imprevisti, e non tutti riescono a portare a termine gli studi: si conta che in Italia oltre il 45% delle persone di età compresa tra i 25 e i 64 anni prenda il diploma in un secondo momento.

Il motivo principale per cui si sceglie di non prendere il diploma di maturità è rappresentato dalla necessità di iniziare a lavorare quanto prima, ma, col passare degli anni e raggiunta una certa stabilità economica, molti si rendono conto che raggiungere questo traguardo significa arricchire il proprio Curriculum Vitae e, conseguentemente, poter accedere a posizioni di lavoro più facoltose. Ovviamente non è facile ricominciare a studiare per cinque anni: per fortuna oggi esiste la possibilità di prendere il diploma in un anno!

Come fare a completare gli studi velocemente e prendere il diploma

Le possibilità di scelta presenti sono numerose e alcune anche molto vantaggiose. Infatti, grazie ad Internet esiste la possibilità di prendere il diploma di maturità da casa. In questo modo è possibile conciliare lo studio con il lavoro e la cura della famiglia. Con l’e-learning vengono rilasciate sessioni di studio online, che è possibile seguire in qualsiasi momento della giornata e che permettono di apprendere in modo più semplice, ma col giusto grado di approfondimento.

Per chi non è pratico di Internet e ha bisogno di un contatto diretto con docenti e con le altre persone che hanno deciso di intraprendere questo percorso, ci sono i corsi serali, organizzati da molte scuole paritarie; purtroppo, in tempo di pandemia, anche questi corsi sono per la maggior parte online, per ovvie necessità di mantenimento delle distanze di sicurezza.

Come sono strutturati i corsi

Innanzitutto, è necessario ricordare che, secondo la legge italiana, la scuola statale e quella paritaria sono equiparate in termini di diritti e doveri degli alunni. Di conseguenza il diploma preso ad una paritaria è riconosciuto in tutta Europa, così come quello di una statale. Un altro vantaggio è rappresentato dal fatto che queste scuole danno molte possibilità di scelta.

Sono disponibili, infatti, diversi indirizzi, tra cui turismo, finanza e marketing, agraria, elettronica, meccanica e trasporti. In questo modo è possibile intraprendere uno studio che sia mirato alle proprie esigenze lavorative. L’iscrizione deve essere presentata normalmente entro il mese di ottobre dell’anno scolastico che si vuole frequentare; è inoltre necessario avere almeno sedici anni ed aver conseguito il diploma di licenza media.

Differenze tra scuola statale e scuola paritaria

Poiché la scuola paritaria (sia essa online che in presenza) è frequentata anche da adulti, il rapporto docente-studente è un rapporto quasi “alla pari”. I lavoratori o coloro che operano presso associazioni di volontariato hanno a disposizione più ore di assenza. Prendere il diploma in un anno è comunque impegnativo. Infatti, si richiede uno studio approfondito, per quanto non si studino tutte le materie, ma solo quelle di indirizzo.

Come in un qualsiasi liceo, ci sono interrogazioni e verifiche da sostenere, mentre i professori tendono a non assegnare compiti a casa, ma, raramente, possono richiedere lo svolgimento di relazioni. L’orario di lezione è sempre di cinque ore per cinque giorni a settimana, anche se in alcune scuole il venerdì sono previste solo quattro ore (ovviamente gli orari sono più flessibili con la didattica a distanza).

Conclusioni

Chi valuta di completare gli studi superiori per prendere il diploma di maturità, deve essere consapevole del fatto che non sta scegliendo una “scorciatoia”, ma che con il giusto impegno e una buona dose di forza di volontà, potrà raggiungere un traguardo importante, che lo aiuterà sicuramente nel mondo del lavoro.

scarpe donna Previous post Scarpe da donna: i migliori brand sul mercato
riparazione elettrodomestici Next post Riparazione elettrodomestici: come funziona il servizio a distanza